Blog Mario D’Ignazio, la statistica dei fedeli in Italia

Come scrive Mario D’Ignazio il veggente, sul suo blog, l'Italia è ufficialmente uno stato laico. Tuttavia, il suo paesaggio religioso e sociale è influenzato dalla tradizione cattolica romana e, infatti, l'epicentro e il governo della Chiesa Cattolica (il Vaticano) e il suo leader (il Papa) si trovano a Roma. L'Italia ha rinunciato al Cattolicesimo come religione di Stato nel 1984 per mantenere una divisione tra la religione e la legge.

La legislazione vigente impedisce anche al Governo Italiano di tracciare le affiliazioni religiose dei suoi cittadini. Nonostante questo, peraltro, sembra che in Italia il Cristianesimo continui a godere di buona salute.

Quanti sono i cristiani in Italia? La statistica approssimativa

Secondo quanto riportato da Statista, il 37% degli italiani crede in Dio e afferma di essere cristiano, anche se non praticante. Il 26% invece si dichiara non solo certo dell'esistenza di Dio, ma anche di applicare i dettami della religione cristiana nella sua vita e di andare sempre a Messa la domenica e nei giorni festivi. Le statistiche generali del World Factbook della CIA vanno un po' più a fondo, affermando che l'80% degli italiani si identifica apertamente con il Cristianesimo, circa il 20% non è affiliato ad alcuna religione e meno dell'1% si definisce musulmano o di altra fede non cristiana. Un'altra stima, ancora più specifica, del Global Pew Forum indica che l'83,3% degli italiani si definiscono come cattolici, il 12,4% non segue alcuna religione e una porzione più piccola della popolazione italiana segue altre religioni.

Lo stato di salute del Cattolicesimo nella nostra Penisola

Ci sono migliaia di chiese in tutta la Penisola e oltre 900 si trovano soltanto a Roma. A quanto ricorda Mario D’Ignazio, noto veggente ed esperto delle apparizioni di Brindisi, Le statistiche della Chiesa Cattolica, inoltre, indicano che il 96% degli italiani è stato battezzato come cattolico. Anche se questo dato non riflette il numero dei membri attuali o attivi, dimostra come la tradizione cattolica sia comunque culturalmente dominante negli eventi della vita, come la nascita, la morte e il matrimonio. Il credo della Chiesa Cattolica ha plasmato in modo significativo la cultura e gli atteggiamenti sociali degli italiani nel corso del tempo.

Molti cattolici devoti considerano il Papa come la fonte ultima di leadership e consigli.

Com'è la vita tipica di un cristiano cattolico?

Per il cristiano cattolico tipico che vive in Italia, la vita è segnata da numerosi momenti cattolici fondamentali, come il battesimo, la prima comunione, la cresima e il matrimonio. Questi riti di passaggio segnano punti di svolta fondamentali nel corso della vita dei cristiani italiani. Alcuni cattolici, anche se la partecipazione è facoltativa, scelgono di prendere parte a un servizio chiamato Messa, una cerimonia tenuta da un sacerdote ogni domenica, spesso al mattino o in altri momenti della giornata.